You are here

Agostini presenta la nuova factory S.Pellegrino

Agostini presenta la nuova factory S.Pellegrino

Il Presidente e CEO del Gruppo Sanpellegrino Stefano Agostini spiega il significato del progetto di rifacimento dello stabilimento di Ruspino

MILANO – E’ stato ufficialmente svelato il nuovo progetto di design che rivoluzionerà il volto della fabbrica dell’acqua S.Pellegrino, in Val Brembana. A vincere la sfida internazionale fra Archistar è stato il danese Bjarke Ingels, che ha presentato la Factory del futuro nel corso di un evento a Milano. Stefano Agostini, Presidente e CEO del Gruppo Sanpellegrino, ha spiegato il significato di questo importante progetto.

Tra gli obiettivi che ci siamo posti ci sono il miglioramento delle attività produttive e logistiche ma anche  la realizzazione di una fabbrica che rispecchi i valori del marchio, il cui successo a livello internazionale è determinato dalla sua origine e quindi dal territorio.

Per fare questo abbiamo coinvolto quattro studi di architettura e lo abbiamo fatto proprio perché pensiamo che il design faccia parte del meglio dell’italianità. Un marchio come S.Pellegrino, ambasciatore dell’italianità nel mondo, porta con sé, oltre ai valori della gastronomia di qualità, anche quelli della bellezza, del design e della moda. Per questo pensiamo che per valorizzare al meglio il nostro marchio anche nel nostro stabilimento il design debba essere un elemento fondamentale.

La vittoria è andata a Bjarke Ingels che, oltre ad essere un architetto di successo, ha saputo interpretare al meglio i valori del marchio. Il suo progetto non solo ha rappresentato al meglio cos’è S.Pellegrino, ma ha avuto la capacità anche di proiettarlo nel futuro. L’auspicio, infatti, è quello di creare un contesto molto attrattivo che si unisce ad altre iniziative presenti a San Pellegrino Terme, come le attività termali e turistiche. I turisti che verranno avranno così la possibilità di vivere un’esperienza completa di relax e cultura.

Nella nuova fabbrica, infine, parleremo anche della storia dell’acqua minerale, un prodotto unico e caratterizzato dal territorio. L’acqua S.Pellegrino impiega 30 anni a ritornare alla sorgente, da quando la goccia cade nel terreno. In questo periodo si arricchisce di Sali, incontrando rocce differenti. Racconteremo questo percorso unico anche attraverso un Experience Center che accoglierà quanti vogliono vivere un’esperienza per noi straordinaria.

21 febbraio 2017